Share Button

sei-su-immagine-raffigurante-locandina-eventoMatera sarà realmente Patrimonio dell’Umanità solo quando sarà accessibile a tutti.
Fino ad allora resterà patrimonio di alcuni. SassieMurgia ce la sta mettendo tutta perchè Matera divenga Patrimonio di Tutti. Lo dimostrano i risultati -amplificati da importanti media a diffusione nazionale-  sino ad ora conseguiti dal nostro Turismo per Tutti, che fa di noi i pionieri del Turismo Accessibile a Matera ed in Basilicata.
Dal 27 al 28 settembre scorso si è svolto a Matera “Zero Barriere – L’Accessibilità Conviene”, manifestazione internazionale che ha messo attorno ad un tavolo le più importanti associazioni del settore per fare della “Città dei Sassi” un grande laboratorio sul Turismo per tutti con l’obiettivo di proporre soluzioni innovative e creative per luoghi della cultura, mobilità autonoma e sicura, arredi urbani e servizi turistici.
Essendo SassieMurgia tra i partner dell’evento, anch’io ho avuto il piacere di intervenire al dibattito portandovi la nostra esperienza, maturata sul territorio in oltre due anni di duro lavoro e di confrontarmi con tanti professionisti del settore.
Da subito è emersa la necessità di mettere a frutto le riflessioni effettuate dagli esperti di accessibilità universale intervenuti a Zero barriere, di elaborare un documento unitario che potesse tracciare degli le linee guide di progetti e azioni future che trasformeranno Matera in una città accessibile al 100% ed in un modello di accessibilità universale replicabile altrove. Bene, oggi quel documento è realtà, si chiama “Manifesto di Matera”, ed è il frutto di un lavoro di squadra che ha messo insieme, a partire dalla due giorni di Zero Barriere, storie, idee e professionalità di varia provenienza, fondendo mirabilmente le esperienze di realtà profit e no-profit, con anni di esperienza nel settore a livello locale o su scala nazionale.
All’indomani di Zero Barriere abbiamo inoltre costituito un network internazionale e permanente che intende promuovere in ogni parte del mondo la cultura della progettazione inclusiva.
Il Comune di Matera, recentemente nominata Capitale Europea della Cultura per il 2019, ha già adottato il manifesto con delibera di giunta n° 00338/2014  fissando così indirizzi precisi per le sue future politiche di accoglienza ed accessibilità.
Sono fiducioso che di qui fino al 2019 ed oltre sapremo tradurli nella pratica quotidiana, e che gli inestimabili principi enunciati nel manifesto possano sedimentarsi nel comune sentire per orientarne l’azione verso atteggiamenti più inclusivi e solidali.
Il Manifesto di Matera, pur essendo stato elaborato da pochi, è patrimonio di tutti. Mi appello a chiunque legga questo articolo affinchè lo diffonda il più possibile!

Luca Petruzzellis